Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


AA. VV. 'Sonic Scope 04 The Portable Edition'

(Grain Of Sound 2004)

Musica altamente sperimentale per questa raccolta che è l’alternativa sonora alla rassegna annuale Sonic Scope patrocinata dalla fonoteca municipale della città di Lisbona. Di scena la label portoghese Grain Of Sound che raduna vari compositori sparsi per il pianeta, ad allestire un insieme di tracce che hanno nella grande apertura di vedute e in una pressoché assoluta libertà formale il loro comune denominatore. E’ così che si passa con disinvoltura da convulsioni polistrumentali, a elaborazioni di frequenze, a sperimentazioni anche nell’ambito della forma canzone in un alternarsi di momenti non poco ostici all’ascolto e che di rado hanno a che vedere con melodie e strutture definite. Una mole di materiale davvero vasta quindi, un insieme dal quale emergono per intelligibilità le composizioni dei due ex Mou, lips! Emanuela De Angelis e Andrea Gabriele, qui presenti rispettivamente con i loro progetti singoli a ribadire spiccata sensibilità ambient e talento non comune per le costruzioni digitali, e la ballata folk del francese Eric Pasquereau nei panni di The Patriotic Sunday. Per quanto riguarda gli episodi votati alla sperimentazione pura da segnalare è praticamente la gran parte del materiale, con menzione speciale per le registrazioni del californiano Aaron Ximm aka Quiet American che sembra processare tubi di scarico di Harley Davidson in un convulso apparato ritmico rumoristico e di Stefano De Santis nei panni di un Urkuma ancora più visionario del solito che brandisce ultrasuoni e strumentazioni aliene in una costruzione ai limiti dell’ascoltabile. Quello che viene fuori è un mind trip di 80 minuti attraverso i territori dell’elettronica di ricerca.

Aggiunto: December 16th 2004
Recensore: Vittorio Marozzi
Voto:
Link Correlati: Grain Of Sound
Hits: 966
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest