Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bang Sugar Bang 'Greatest Hits'

(Nicotine Records 2004)

Hollywood (l’Hollywood Boulevard in particolare) è storicamente il centro del punk rock di Los Angeles fin dai tempi di “Le Masque” o delle invettive novelty /dada dei WEIRDOS o di BLACK RANDY & THE METROSQUAD. E proprio a Hollywood (la capitale della post-modernity, della cultura plastificata, del glamour e di impensabili, originalissime commistioni tra High e Low Culture) operano questi ottimi BANG SUGAR BANG, terzetto pop- punk guidato dalla charmante Cooper (ammiratela in calze nere autoreggenti nell’inlay card, …leggermente meglio di Solaaaange, direi!!) e dal chitarrista Matt Southwell.
Il loro stile è una sorta di "pop art soup", un concentrato di richiami a bands che ho sempre amato e quindi non potrò che parlare bene di questo disco. Rimandi a RUNAWAYS, X, AVENGERS, BUZZCOCKS, MUFFS, JAM, L7, JOAN JETT & THE BLACKHEARTS; ma anche a PIXIES, THROWING MUSES, SUZI QUATRO si intrecciano in continuazione rendendo questo cd freschissimo e divertente.
Tra i brani migliori sottolineerei il punk rock anthem di Punk Rock Holiday; Let You Down (dove emergono chiarissimi rimandi a certo pop obliquo alla PIXIES); Paul Edward e Posh Kids (che rievocano in sequenza il fantasma “maudit” del PATTI SMITH GROUP e i primissimi BLONDIE) ; le “velvetiane” She’s So Up e Happy e infine Velveteen, dove il cantato a due voci è un evidente tributo agli inconfondibili intrecci vocali che erano tipici di John Doe/Exene Cervenka (X). Il punk rock, fin dalla sua nascita, è innanzitutto ribellismo senza causa e bastardo, deviato rock’n’roll. Questo disco si riallaccia totalmente alla tradizione. Ed è un bene!
I miei sinceri complimenti a Nicotine records che ha (ri)pubblicato per il mercato europeo questo significativo esordio. p.s: Per la cronaca: è da poco uscito in America un nuovo album della band di L.A., co-prodotto da Geza X, leggendaria figura del primo punk californiano.

Aggiunto: March 13th 2005
Recensore: Michele Ballerini
Voto:
Link Correlati: Nicotine Records
Hits: 1219
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest