Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


John Hudak/Jason Kahn/Bruce Tovsky ‘For The Time Being’

(Cut/Dense/Fringes 2004)

'For The Time Being' documenta due rare esibizioni di John Hudak targate entrambi 2003.
La prima registrazione ce lo presenta in coppia con Jason Kahn in occasione dell'audio installazione dello stesso Kahn intitolata "Winter" presso la Diapason Gallery in quel di New York.
Nella seconda invece lo vediamo agire in coppia con Bruce Tovsky al Roulette Festival Of Mixology sempre a New York.
Nella sessione Hudak/Kahn i due si confrontano in un dialogo al laptop che lascia sbalorditi per la ricchezza ritmica esibita sottotraccia, flebili vibrazioni che si innestano in un magma sonoro pacifico, risonanti lontane frequenze percussive filiformi; evocativo e sottilmente carico di bassi appena sporcato da scorie più propriamente riconoscibili come digitali.
Sublimi field recordings che solcano lo spazio e ticcheggianti oasi di stasi ipnotica; mirabile in tutti i sensi.
Texture granulose e compatte, deliziose nel loro vagare stranito che rinfrancano chi è dedito ai piaceri e dolori di certa impro.
Nella seconda traccia i due Hudak/Tovsky duellano maneggiando due chitarre trattate che delineano un universo sonoro che si snoda lungo scale minimal melodiche e più decisi arpeggi ossessivi che svelano un possibile altro modo d'intendere certi materiali.
Da qualche parte nel cervello ronza l'idea di un possibile accostamento con certi rarefatti attimi di scuola Cold Blue.
Rispetto alla valanga ottusa di dischi del genere che oggi invadono il mercato sicuramente una boccata d'aria fresca.
Astratta piccola poesia.

Aggiunto: January 23rd 2005
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.cut.fm
Hits: 1031
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest