Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Brother James 'Days'

(Black Candy / Audioglobe 2004)

Noise quadrato. Cubico. In ogni modo a linee rette.
Il Post Rock più matematico (Shellac docent) che si impregna di dissonanza fino a scolorire e mostrare così il suo telaio, il suo scheletro; suoni spigolosi e scattanti sia nei ritmi più frenetici che nei paesaggi sonori più distesi, ma sempre tenuti a freno da salde briglie; anche quando il caos sembra alle porte i parmensi Brother James hanno tutto sotto controllo.
Cinque brani originali e due cover, Kill Your Sons di Lou Reed e One Too Many Mornings di Bob Dylan, riportate a nuova vita dalla cura Brother James, che le rende stranamente gelide e apatiche: freddo e silenzio chimici, acromatici e asettici, ed è una curiosa emozione vedere come riescano a tirar fuori emozioni da ciò che all'apparenza non è altro che grigio ("You see colours where most people see grey").
Splendide le chitarre, vere protagoniste della scena, capici di entusiasmanti intrecci come di nevrastenici monologhi (ascoltare Wait A Minute), e sempre a loro agio con la sezione ritmica, controtempi e stop&go sempre a puntino e senza esagerare che poi si vede; se proprio vogliamo tirar fuori dei nomi, affiancherei ai già citati Albini & Co. i June of '44 e i Mogwai, specie per le atmosfere più dilatate e distese.

Ottimo disco questo 'Days', chiaramente al di sopra della media delle uscite indipendenti nazionali... attenzione però a non cedere troppo a tentazioni Math-rocckiane più pure, lasciando da parte impatto e nervosismi vari: sarebbe un peccato per i nostri orecchi!


Sito del gruppo: http://brotherjames.info

Aggiunto: December 15th 2004
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Link Correlati: BLACK CANDY RECORDS
Hits: 2056
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest