Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Gianni Gebbia, Likas Ligeti, Massimo Pupillo 'The Williamsburg Sonatas'

(Wallace Records 2005)

Incontro di “titani” o più semplicemente di amici che vogliono utilizzare la musica per la loro voglia di comunicare, questa prova a cura di Gianni Gebbia, sassofonista palermitano che ha girato, e continua a fare, il panorama del free galattico e interstellare collaborando con il gotha del genere; Lukas Ligeti figlio d’arte nei natali e nel mestiere come compositore (il padre è un noto compositore “colto” tale Gyorgy Ligeti) e entrato nelle grazie di Zorn che ha pubblicato ultimamente le sue composizioni da camera; e per finire Massimo Pupillo bassista tra gli altri e in maniera preponderante degli Zu trio di oltrejazzcore interstellare che va a braccetto a passo doppio con il panorama di cui sopra. Questi tre signori (indicativamente l’età biologica è quella) hanno deciso di riversare su cd le sessions registrate a Williamsbur, New York in un caldo? giorno di febbraio e di permettere a chiunque fosse interessato di ascoltarle, grazie anche alla lungimiranza di un tale Mirko Spino, avvezzo a imbarcarsi in codeste follie soniche. Follie si ma ragionate e ben azzeccate queste composizioni del trio sono immediatamente e piacevolmente udibili, decomposte in momenti di coinvolgenti accompagnamenti improvvisati ad altri dedicati ad ombreggiate riflessioni in solo che si dipanano per l’album. La classe dei convenuti a questo incontro rende l’ascolto interessante e mai “pesante” e avvincente. Consigliato.

Aggiunto: January 26th 2005
Recensore: Marco Paolucci
Voto:
Link Correlati: Wallace Records
Hits: 971
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest