Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Devendra Banhart 'Nino Rojo'

(Young God/Self 2004)

Terzo disco per Devendra Banhart questo 'Nino Rojo' proveniente dalle stesse sessioni di registrazione del precedente 'Rejoicing In The Hands' uscito a giugno. Per descrivere la musica di questo fricchettone di origine texana (ma vissuto prima in Venezuela e poi fra Los Angeles, Parigi, New York e San Francisco) si è parlato di "Prewar Folk", per etichettare la mistura di Folk, Country e Blues del Delta che riporta inevitabilmente alle atmosfere dell'America anteguerra.
Il disco conferma le doti di questo giovane menestrello, con la sua musica fatta di incantevoli ricami chitarristici e bellissime melodie dall'aria spesso giocosa e sguaiata. Le 16 canzoni qui presenti fatte sempre di fingerpicking e nitidi arpeggi sono arricchite stavolta da altri strumenti: la tromba di We All Know, l'organo di A Ribbon, il pianoforte di Noah, lo xilofono di Water May Walk e i fiati di Electric Heart. L'iniziale Wake Up, Little Sparrow è un brano di Ella Jenkins, autrice di Nursery Rhymes (canzoni per bambini); e una "ninna-nanna", ipnotica e suadente, sembra pure Water May Walk; At The Hop, uno degli episodi meglio riusciti, è scritta ed interpretata insieme ad Andy Cabic dei VETIVER, gruppo in cui canta e suona anche Devendra. In Be Kind dedicata alla "lovely" Bianca (Bianca Casady cioè Coco delle CocoRosie) c'è anche una chitarra elettrica che ricorda un pò i primi Rolling Stones.
Insomma un disco intenso e toccante nella sua naturalezza e semplicità, bello dall'inizio alla fine e in cui spiccano l'incantevole Owl Eyes e la struggente A Ribbon.

Aggiunto: December 22nd 2004
Recensore: Rino Borselli
Voto:
Link Correlati: Young God Records
Hits: 2022
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest