Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Hot Chip 'Playboy'

(Moshi Moshi / Goodfellas 2004)

Una melodia eterea che potrebbe scaturire da un incontro tra TV On The Radio e Yo La Tengo, un'altalena ripetuta tra una voce morbida e chiara e l'altra, più calda, di matrice nera; leggerezza e impalpabilità nipponica e magnetici umori elettronici di chiaro stampo brit (sia Radiohead che Kings Of Convenience): è quello che mi viene in mente ascoltando Playboy, omonimo brano di questo promo targato Moshi Moshi (simpatici! ..."pronto" in giapponese...) dei giovani londinesi Hot Chip (essenzialmente in due, Joe Goddard e Alexis Taylor), da poco esordienti anche su full lenght con il buon 'Coming On Strong'.
Oltre alla suddetta canzone il disco raccoglie le bonus track contenute nel Cd Ep, nel 12" e nel 7", per un totale di sei brani all'insegna di un caleidoscopio sonoro di pop, funk (Prince, ammirazione dichiarata, su tutti), soul, new wave (Devo e Kraftwerk sullo sfondo) e, come già accennato, sferzate di sperimentazione elettronica: è notevole, non c'è che dire, la versatilità con cui questi ragazzi spostano l'accento di volta in volta sull'indietronica (Hittin' Skittles), sulla techno (From Drummer To Driver e il remix a cura di Four Tet del brano The Ass Attack), sull'house (I Don't Know The Half...) o su sonorità pseudo-acustiche e elettro-folk come in Defeated By Technology, bellissima con il suo climax impercettibilmente crescente nell'arco dei 6 minuti (a rappresentare appunto, malinconicamente, la lenta presa del potere da parte di macchine e computer sulla mente umana ).

Un grande abilità nel valorizzare melodie apparentemente semplici con una cura maniacale dei dettagli e con un' incessante curiosità che permette loro di scovare arrangiamenti sempre particolari (cosa che al giorno d'oggi non può che essere la benvenuta), con un uso appropiato di sintetizzatori e campionatori, a volte parsimonioso, col contagocce, altre abbondante, a fiumi, come nell'intro di Hittin' Skies, ma sempre all'insegna della freschezza, senza inutili pomposità.

Musica da ballare o da ascoltare in santa pace, per divertirsi spensieratamente in discoteca o per pensare malinconicamente e in solitudine chiusi nella propria stanza, gli Hot Chip si incastrano bene in qualunque situazione e non stonano mai... un nome da tenere a mente.


Aggiunto: November 18th 2004
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Link Correlati: MOSHI MOSHI RECORDS
Hits: 1281
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest