Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lickgoldensky 'S/T'

(Level Plane / Nova Recordings 2004)

Eccoci qui con una, in qualche modo, interessante proposta della Level Plane, il secondo album dei Lickgoldensky; anche se nel loro caso l'aggettivo 'interessante' ha una dimensione tutta sua. Intendiamoci subito, stiamo parlando di una band che si diletta con quell'hardcore alternativo a metà strada tra Melvins, Hoover e Turmoil. Dunque pezzi che si attestano sui 4/5 minuti di media, intervallati spesso da intermezzi che non hanno molto senso (tipo il ritmo in reverse della seconda traccia).
Però i LGS ci vogliono far credere a tutti i costi che hanno qualche piano diabolico in serbo, e così tutte le canzoni sono 'untitled' ed è quasi impossibile seguire i testi del booklet (che è piuttosto caruccio però).
Condividere o meno questa scelta non cambia molto purtroppo, perché il piano 'segreto' dei new yorkesi non è di quelli molto attraenti o vagamente sensati. Anzi secondo me l'ascolto diventa molto più gradevole se si skippano tutti i pezzi al di sotto del minuto e ci si concentra sulle canzoni vere e proprie, che alla fine suonano niente di più originale di un 'System Of A Down vs ritmi Mars Volta'. Dunque interessante per carità, ma decisamente già sentito e poco remunerativo dopo il primo ascolto. C'è da dire però che la produzione di Alan Douches fa di tutto per rendere i newyorkesi razionali ed ordinati, ed è probabilmente l'asso nella manica dell'intero album, visto che all'ascoltatore con poco tempo da perdere non frega davvero nulla del piano segreto dei LGS.
Dunque ricapitoliamo: skippate i pezzi inutili e rimanete con un album di hardcore leggermente 'alt' ben prodotto e abbastanza caruccio, ma non certo da strapparsi i capelli. A voi la scelta.

Aggiunto: December 6th 2004
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage Level Plane
Hits: 1103
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest