Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Hood 'The Lost You'

(Domino 2004)

Hood, ovvero i poeti dell’uggia, della solitudine e dell’alienazione dell'età contemporanea.
Mancavano dalle scene ormai da diverso tempo ed eravamo in attesa che dessero un seguito dell’eccellente 'Cold House' del 2001. L’attesa è stata sì inframezzata da due monumentali raccolte retrospettive, delle quali abbiamo a suo tempo detto, ma grande era il desiderio di ascoltare del nuovo materiale e, sul finire di questo 2004, i Nostri ci accontentano con 'The Lost You', un e.p. di cinque brani, anticipazione del nuovo album 'Outside Closer', la cui uscita è prevista per l’inizio del prossimo anno.
In apertura, veniamo subito proiettati all’interno di scenari paranoici dipinti della title-track, attraversata da ritmi sincopati, che si fanno progressivamente più insistenti, quasi ossessivi, nel loro accompagnare una dissonante melodia emicranica e claustrofobica, mentre la voce stonata e sofferente, per non dire agonizzante, si trascina alla volta di un finale che pare destinato a sfociare nel caos ma che invece si arresta un attimo (o forse due) prima.
Le successive tracce si muovono tra languido post-rock (ora più denso e plumbeo, You Can’t Breathe Memories, ora più etereo, Over The Land Over The Sea, fino a farsi decisamente soundscape-oriented in By Island Lake) e il melanconicamente squisito wave pop di The Rest Of Us Still Care con le sue chitarre jangly e i cori angosciosamente accorati che riecheggiano in chiusura.
Come sempre, i folletti di Leeds non hanno tradito le nostre aspettative e, ne siamo certi, così sarà anche con la nuova prova sulla lunga distanza. Appuntamento, quindi, a tra non molto.

Aggiunto: December 20th 2004
Recensore: Alessandro Crestani
Voto:
Link Correlati: Domino Records
Hits: 1030
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest