Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


The Abstractions ‘Novo Navigatio’

(Pax Recordings 2004)

Tornano a farsi risentire gli Abstractions ad un anno di distanza dal precedente e bellissimo 'Ars Vivende' che ci aveva letteralmente fulminato con la sua complessa e sulfurea miscela che mescolava abilmente spettri free e massicce mareggiate noise riconducibili caratterialmente ai God più titanici. Nel frattempo molte cose sono cambiate dalle loro parti (gli Usa), notevoli e tristi eventi hanno flagellato il mondo ed il sinistro Nuovo Ordine Mondiale sembra essere sempre più un dato di fatto che la paranoia visionaria di un povero coglione (vero mr.Bush?).
La rielezione in carica del presidente uscente, la terribilmente Dickiana nomina a governatore del polpettone Schwarzenegger e sopratutto una strisciante (manco tanto) sensazione di ritorno al passato (buoni e cattivi, bianchi e neri, ricchi e poveri; comunque contrapposizione frontale e violenta in tutti i casi) sono condizioni che hanno notevolmente influenzato la nascita di questo 'Novo Navigatio'.
Rispetto ad 'Ars Vivende' si è perso in impatto frontale e spirito suicida, le atmosfere sono quasi sempre cupe e monoliticamente oppressive, ma dal furore cieco dell'esordio non siamo poi tanto distanti per spirito; mutano soltanto i tempi e l'ambientazione circostante poichè in quanto a peso specifico questo 'Novo Navigatio' sicuramente non gli è inferiore.
Sembra essersi accentuata una propensione verso la ballata urbana allucinata e trasfigurata che è cara ad Ernesto Diaz-Infante e maggiore spazio si è ritagliata la voce di Dina Emerson che volentieri ci conduce lungo percorsi prossimi a Dagmar Krause ed agli Slapp Happy come nella splendida Lament The Fallen che suscita anche parallelismi edificanti con Iva Bittova.
Nell'iniziale Freedom For The Known, nell'andamento e nelle scordature, si può tracciare un'ipotetica linea retta che congiunge idealmente Bailey ai Blast senza però perder di vista le innumerevoli influenze etniche presenti nella ritmica.
Media e mOney Our DeMOCKracy e Christian Bush sono farina del sacco dell'Infante che con qualche rumorino di fondo, una batteria strascicata ed una chitarra che non ne vuole proprio sapere tinteggia cupe dissertazioni non tra le più rassicuranti.
Ma da un certo punto in poi gli Abstractions in qualche modo sembrano anche voler concedere una possibiltà all'ottimismo ed a una certa giocosità che si manifesta più o meno sotto forma di uno spirito corrosivo umoralmente prossimo al Beefheart più cabarettistico.
Le evoluzioni leggiadre e cangianti di The Moon, My Vision, la malinconia combattiva di Voodoo In America? e di Deadly Silence svelano un lato assolutamente nascosto degli Abstractions rivelandosi quiete zone di calma meditativa dove riacquisire energie prima dell'assalto finale di Burn In Down che sfuria, brucia e dà strada al silenzio.
Impro-dark?
Semplicemente uno dei dischi più belli dell'anno che si sta per concludere.

Aggiunto: November 24th 2004
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Paxrecordings
Hits: 6935
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest