Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Franklin Delano 'All My Senses Are Senseless Today'

(Zahr / Goodfellas 2004)

Un disco dal suono visceralmente Americano questo primo full-length (involontario) degli emiliani Franklin Delano. A partire dalla copertina: una Dodge che sembra aver attraversato gli states del Sud dalla East alla West coast –e ritorno- più e più volte, fino a farsi consumare la carrozzeria dal vento sabbioso).

Diciamo subito che Hello è un pezzo stupendo, arricchito dagli splendido violino di Massimo Gattel e rappresenta un pò l’attegiamento di tutto 'All My Senses Are Senseless Today' cioè di forti odori di alt. country immersi in un'atmosfera del tutto idealizzata (come del resto è sempre successo, che in Italia si idealizzi l’America).

Dà l’impressione di far lavorare la mente a macinare sentimenti. Infatti sul fatto che Paolo Iocca abbia speso oceani di pensieri e una marea di domande non c’è dubbio, il suono ricercato lo dimostra, e anche la cupa prima traccia Question, che accenna a domande non semplici, forse prive di risposte già a priori (“It’s not a simple question the one you’re just posing me… you think it doesn’t mean anything else and unfortunately tou might be right…”). Il suono richiama qua e là soluzioni sonore di altri, ma cerca di rendere ogni pezzo una cosa a sé, inimitabile ed irripetibile, così come avviene ad esempio per la paranoica He, ninnananna di feedback e mandolini.

Chiudiamo con un’opinione (che conforta il cuore), ripresa da un’intervista al gruppo, della batterista Vittoria Burattini, che qualcuno ricorderà accanto a un certo Emidio ‘Mimì’ Clementi, insieme anche a Marcella Riccardi, ora chitarrista nelle file degli FD: “La scelta della musica è personale. Mi dispiace per tutti coloro che non hanno voglia di farsi il loro bagaglio culturale, musicale e artistico in genere. Penso che la miglior risorsa per una persona sia curare il proprio spirito attraverso l’arte. Non importa che scelgano i Franklin Delano. C’è da sperare che almeno scelgano qualcosa.”

Aggiunto: December 24th 2004
Recensore: Roberto Centioni
Voto:
Link Correlati: Sito Franklin Delano
Hits: 1160
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest