Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Doppio Alibi 'Americanati'

(Autoproduzione 2004)

Tracklist: 1. Mai più 7. Ma domani 2. Adesso che 8. Shock 3. Ricorda 9. Viaggio senza meta 4. Guarda 10. Caldo funky 5. Angelo blu 11. Spara 6. A volte capita 12. She devil

L’avventura Doppio Alibi comincia nel lontano 1989, quando Davide ed Andrea (rispettivamente chitarrista e cantante) decidono di fondare una band per sfuggire alla noia di Trieste. Dopo vari cambiamenti di membri e nomi (ne conto almeno sei), si arriva al 2003, con l’arrivo del bassista Ivan in pianta stabile nel gruppo. Da qui nasce il progetto Doppio Alibi. La loro musica ha radici molto solide in tutto ciò che viene da oltre oceano, americano per la precisione, ma c’è anche una ricerca della melodia, tipico della nostra bella penisola. Il loro rock ha venature blues, ed è molto grintoso ed efficace, dove le chitarre di Davide ed Alessio sono messe in primo piano. Troviamo in questo lavoro Ricorda, una bella ballata che ha anche un video minimale ma efficace. La versione video è una versione acustica. La scelta in Shock di inserire un loop di batteria risulta davvero infelice, non è questa la dimensione in cui la band deve cercare di trovare una propria identità. Il disco denota un buon bagaglio tecnico ed una buona determinazione, esso è ben registrato e il materiale multimediale presente è molto valido. Le influenze del gruppo sono troppe, si passa dai Guns 'N’ Roses ai Bon Jovi, Aerosmith soltanto per citarne alcune. 'Patience' ed 'Appetite For Descruction' della band di Axl Rose fa vittime. I testi cadono nello stesso errore delle musiche, e ci si ritrova a dirsi: “Aspetta, questo già l’ho sentito”. Il risultato degli sforzi del gruppo triestino è pregevole, ma purtroppo, alquanto scontato. La registrazione è molto buona, anche essendo un lavoro totalmente autoprodotto, cosa alquanto strana, ma di questo dobbiamo renderne conto ai Doppio Alibi. Ma il disco risulta già sentito ed ascoltato. Il consiglio che mi sento di dare è quello di incanalare i loro sforzi, rabbia e sudore nella ricerca di un proprio stile di musica personale.

Aggiunto: December 23rd 2004
Recensore: Rocco D'Ammaro
Voto:
Link Correlati: Doppio Alibi
Hits: 1115
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest