Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Ludicra 'Another Great Love Song'

(Alternative Tentacles Records/Goodfellas 2004)

Continuano ad arrivare cd metal da recensire e so' sempre più contento... vabbè, jamm a lavorà e cominciamo a parlare dei Ludicra. Questi sono una band di black metal, attiva da diversi anni sulla scena di San Francisco, dove a quanto pare si è guadagnata un buon seguito grazie al continuo touring nella zona.
La specialità dei Ludicra è servire i loro pezzi in maniera piuttosto semplice: furiosamente, velocemente e quasi senza soste. Dunque nulla a che vedere con esperimenti prog o tastiere varie, i cinque si tengono sul classico e solo raramente troveremo influenze goth, anche perché gli scambi vocali tra Laurie Sue Shanaman e Christy Carther sono spesso intensi ed urlati.
A me han fatto venire in mente i Darkthrone quasi subito, e forse anche qualcosa dei Judas Iscariot. Comunque, influenze a parte, la semplicità dello stile rende 'Another Great Love Song' un album indubbiamente spogliato di ogni velleità; è triste, malinconico e disperato, come si evince piuttosto facilmente dai testi molto personali ("when you paint this town red, why not do it from your veins?").
I pezzi si attestano su una durata piuttosto ampia (6/7 minuti) rendendo ogni canzone una vera e propria cavalcata nel dolore e nella furia (One Thousand Wolves, The Only Cure, The Only Remedy), anche se non ho ben capito in questo quadro dove si colloca Tainted Love che si ascolta in sottofondo al finale di Why Conquer.
Immancabile ogni tanto la chitarra acustica che viene a calmare un po' gli animi, e da notare il finale piuttosto 'psichedelico', quasi all'opposto rispetto a come si concludeva il loro primo album, 'Hollow Psalms'.
La produzione si discosta un po’ dal classico black (chitarre sparate in primo piano ed il resto sepolto): ogni strumento è intelligentemente separato e con un proprio spazio, graziando le orecchie e rendendo inutili vari smanettamenti con alti e bassi.
Dunque un album piuttosto bono per i fan del genere e per chi cerca qualcosina di diverso dal solito black/death, non ovviamente per gli altri.

Aggiunto: November 17th 2004
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage band
Hits: 869
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest