Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bluba Lu 'Moogamood'

Yellomusic 2002

Se la politica utilizza le sue ere geologiche per attuare l’allargamento ad est dell’Europa la musica non perde tempo, e con questo album dei Bluba Lu intitolato ‘Moogamood’ praticamente ha già firmato tutto ciò che c’era da firmare.
In più ci ha messo anche del suo miscelando allegramente i suoni e gli umori provenienti, ad esempio, dalla Francia, vedi Kid Loco maestro da studiare e omaggiare velatamente in We, e non solo lui. Ad un primo ascolto infatti sembra di rivedere il classico duo viennese, per la cronaca Kruder & Dorfmeister, ai piatti e mixer, per servirvi, o i loro antagonisti del pentagramma quali Thievery Corporation; ma fortunatamente e dico fortunatamente questi Bluba Lu non copiano pedissequamente i loro “maestri”, (senza maestri cosa sarebbe la scuola). I pezzi come Mare oppure Be-bop, sono coinvolgenti, divertenti, spruzzati da una verve exotica che non guasta, ma che anzi permette all’ascoltatore di distinguerli e non li fa risultare noiosi. Sono freschi come un bicchiere d’acqua, o di vino o di un cocktail da assaggiare con calma seduti su una bella poltrona con un bel paio di cuffie sulla testa (per i viaggi non ci sono i soldi, e poi non sarebbe veramente exotico). Se si continua la selezione Tonight e Cold offrono incursioni “danzereccie” nella bossa svisata dall’orchestra che straniano piacevolmente l’ascoltatore/ballerino (basta non essere timidi). Altri titoli come Egoist, Soda, o Taipo psichedelici riff di armonica a bocca intramezzati da florilegi moog, Enter The Light voce che richiama (chi?Boh, ma qualcuno sicuramente, mannaggia adesso non mi viene, ha si) i Frankie Goes To Holliwood adolescenti; brani, bisogna riconoscerlo, shakerati con gusto e stile sobrio e mai pedante. La fine è affidata a I Feel Good, che non sfigurerebbe nella colonna sonora di un film sulla Pantera Rosa. Lunga vita al genere se continuerà ad allietarci con queste nuove proposte.

Aggiunto: May 5th 2002
Recensore: Marco Paolucci
Voto:
Link Correlati: Blubalu
Hits: 1322
Lingua: brazilian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest