Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Muck ‘Roc’

(Pax Recordings 2004)

Premo il tasto play nel lettore cd e da subito mi appare chiaro il motivo per cui i Muck incidono su Pax Recordings; Ernesto Diaz-Infante deve aver fatto un bel salto sulla sedia quando ha sentito per la prima volta questi pezzi (pazzi). Attacco in tutto e per tutto debitore dello stile obliquo caro allo stesso Infante ma con un tasso di antimusicalità che lo rende notevolmente più out rispetto alle prove dell' Ernesto più scoppiato, ma mi viene anche il dubbio che un certo venticello fuori di testa stia soffiando sempre più forte in casa Pax (che non è comunque che nelle uscite precedenti non lo avesse mai fatto notare).
Albert T. Carmichael (aka Ability To Communicate), And Gnat Vomit e tale Tina (la girlfriend di Albert che ci tiene a farcelo sapere nelle note interne) creano un ibrido mostruoso e mai per un attimo insensato di qualcosa d'immondo che si spappola su ricordi vaghi di certa avanguardia pre diluvio universale che all'improvviso collassa sotto la riscoperta in soffitta di una vecchia consolle di videogiochi anni 80 che però non funziona per niente bene. Provate ad immaginare per un istante doloroso qualcosa che incroci Christina Kubisch con l'eco della sala prove dei Cabaret Voltaire a motori spenti ed in finale forse anche le propaggini più tetre di certa psichedelia Krauta flippata; ora quello che siete riusciti ad immaginare riprocessatelo dentro una partita a Tetris giocata da sbronzi.
Ci siete riusciti?
Quale pestilenziale mistura la vostra mente bacata è riuscita a creare?
Credete che il diavolo sia più brutto di quello che vi hanno raccontato?
Credete che il diavolo sia questo disco?
Allora vi dico che vi sbagliate di brutto in quanto questo è un signor disco che ha sicuramente i coglioni girati ma si incolla al lettore audio in una maniera terribilmente efficace costringendo l'incauto ascoltatore a ripetere l'impresa più e più volte, ed ogni volta non migliora; anzi.
Che ve ne pare di un Tom Waits che riscopre l'alcool dopo anni di virtù e completamente ubriaco ingaggia come gruppo i Throbbing Gristle?
Vi intriga sufficientemente?
Disco ideale per zombie ed indicato per picnic sulla vostra discarica infetta preferita ma anche oltremodo valido per cocktail party con il morto.
Bello bello bello; ma irrimediabilmente spappolato come il fegato del Vasco.

Aggiunto: November 24th 2004
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.paxrecordings.com
Hits: 2680
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest