Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Luca Sigurtà 'La Vera Macchina D'Argento'

(Afe/S'Agita 2004)

Seguiamo già da un bel po’ di tempo le prove del talentuoso Luca Sigurtà, uno dei nomi più interessanti fuoriusciti dal circuito di iXem, divenuto in breve tempo un punto fermo per ‘certa’ musica nazionale. Lo seguiamo soprattutto perché, tra le attività dal vivo, le partecipazioni a svariate compilation e le autoproduzioni, di carne al fuoco ne ha messa su abbastanza e sempre col le capacità del grande chef. Per di più, con questa nuova uscita, una co-produzione tra Afe / S’agita (due etichette doc!), ha realizzato la sua miglior opera fin a questo momento. Con “La 'Sindrome Di Stoccolma', suo precedente disco, ci aveva aperto le porte del suo mondo, o per meglio dire, della sua visione del mondo, fatta di realtà familiari, di piccoli gesti quotidiani e contornata da quegli oggetti che ognuno può dire di aver usato almeno una volta nella vita. Una rappresentazione, la sua, astratta ma non tale da essere irriconoscibile o alienante. In termini musicali le sue sperimentazioni sono molto vicine a quelle che troviamo nei lavori di Steve Roden e Bernard Gunter, mirabili maestri nei giochi di luce ed ombre, silenzi e piccoli rumori. Suona gli oggetti proprio nella maniera in cui Magritte disegnava la famosa pipa e questo fa di Luca Sigurtà un’artista a tutti gli effetti (e il bellissimo formato della confezione nonché il disegno della copertina non sono sicuramente casuali). Adesso il viaggio verso l’astrazione tocca il punto più lontano e 'La Vera Macchina D’ Argento' raggiunge un grado di sublimazione assoluto, diventando adesso qualcosa di estremamente unico e personale. La Vera Macchina D’ Argento Parte Prima si sviluppa per sottrazioni, in un divenire impercettibile che arriva a confondersi con i rumori d’ambiente fino all’annullamento totale della musica a vantaggio del proprio respiro, come l’estrema rappresentazione della vita. La Vera Macchina D’ Argento Parte Seconda, invece, nel suo risuonare come un’eco nella testa è un disperato tentativo di comunicazione. In mezzo, L’ Assassino Minacciato è una magistrale piccola sinfonia sospesa a mezz’aria. L’ascolto in cuffia di questo disco è il più bel regalo che possiate farvi questo autunno.

Link: www.aferecords.com
http://sagitarecordings.vze.com

Aggiunto: November 3rd 2004
Recensore: Alfredo Rastelli
Voto:
Link Correlati: Afe Records
Hits: 1177
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest