Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


AA. VV. 'Sex & Subversion - A Thick Records Document'

(Thick Records 2004)

La Thick Records è una label di Chicago, città natale riconosciuta del Post Rock: di post&dintorni però qui non ne troviamo, e difatti tutti i gruppi presentati suonano del Punk / Garage Rock non troppo crudo, più o meno melodico (in alcuni casi si sfiora il Corporate Punk di Green Day e Co...), con commistioni varie: si passa dagli echi Grunge (Hole e Nirvana rispettivamente) dei Sullen e dei Local H al Folk alcolico versione Pogues di The Tossers, dalle distorsioni abbondanti dei New Black al Country / Pop acustico di Lil' Dave Merriman e Scott Lucas, dal Post Hardcore (At the Drive In) degli Haymarket Riot all'indie (tronica) dei Calliope.
Apri la confezione "anatomica" del disco e subito davanti agli occhi una citazione del famigerato Malcolm McLaren: "Rock'n'Roll is pagan and primitive, and very jungle, and that's how it should be! The moment it stops being those things, it's dead. The true meaning of Rock is sex, subversion & style": e infatti, come si richiede a un buon disco punk rock, non manca l'impatto diretto, senza tanti fronzoli, sesso e sovversione, ma in alcuni casi è lo stile ad essere carente, con brani che scorrono lisci lisci e innocui senza lasciare il segno, privi di quella scintilla che distingue una buona canzone da un'ottima canzone: veramente degni di nota solo i già citati New Black con la loro Booze Olympics, Garage Rock arricchito di echi progressive sfocati sotto una spessa coltre di distorsioni, e i Calliope (idem), con la morbida melodia di Future Days (e si pensa ai Notwist) distesa su un letto di elettronica semi-minimale, all'angolo tra Primal Scream e Tortoise.
Peccato che tutta la compila, anche se divertente e in certi episodi anche ballabile, non è a questi livelli: in fondo è Punk Rock, e come dicono... sesso e sovversione.


FEAT.:
Sullen
Local H
The Methadones
Blue Meanies
Goldblade
The Tossers
Tom Daily
New Black
The GC5
Motel Blonde
The Arrivals
Haymarket Riot
Vortis
Bitchy
Calliope
Lil' Dave Merriman
Scott Lucas

Aggiunto: September 9th 2004
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Link Correlati: THICK RECORDS
Hits: 1452
Lingua:

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest