Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Behind The Scenes 'The Wizard Garden'

(Autoprodotto 2004)

Esordio autoprodotto su full lenght dei Behind The Scenes di Jesi (AN): nove pezzi dai toni chiaramente rock caratterizzati da marcate venature grind / grunge / post-grunge; melodie che incedono, mai banalmente, su binari squisitamente dispari, ricche di cambi e stop improvvisi, a volte suonando elettroniche anche senza esserlo (le potenti Disease e Sick Masterslave), altre puntando verso continenti e tempi lontani, come in Carmen Candelabri e Enchantres' Face.
Momenti fiabeschi e onirici si alternano con frequenza a stacchi dai ritmi più nervosi e serrati, ma nel complesso si regge una sorta di equilibrio, nel quale c'è spazio anche per la poesia e la recitazione (A Curious e sempre Carmen Candelabri) e per l'elettronica pura: bellissimi il break di M.me Cadeau, in cui si inserisce una base techno / house ricoperta da schitarrate acide e lisergiche, molto The Music, e il finale di Carmen Candelabri, ancora lei, con una tempesta ritmica che ricorda da vicino dea Bjork e certi remix di sua maestà Autechre.
Tra le influenze sparse nel disco, vengono a galla Tool, Pearl Jam e Archive (Enchantress' Face è parente non troppo lontana di Again); forse una registrazione un pò troppo patinata in certi casi, la voce che è capace di passare da picchi di perfezione (Last Time In The Garden, splendido il duetto col piano) a scricchiolii evitabili, rifiniture a volte eccessive e ridondanti (certi interventi delle tastiere un pò troppo pomposi e barocchi...) - questi secondo me gli unici nei di una prova che, come inizio, è più che discreta: un gruppo dalla elevata caratura tecnica, con influenze chiare e proprie di altre band locali, ma che non puzza di già sentito, poichè riesce a mescolare gli ingredienti più sparati generando un prodotto nuovo, originale e ben digeribile.
Da tenere d'occhio, chissà che prima o poi non escano da dietro le quinte...


X contatti e info:
Simone - 3334450061
Mail - simonsai@aliceposta.it

Aggiunto: September 3rd 2004
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Hits: 1510
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest