Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Malkavian 'Whatever Doesn't Kill You Makes You Stronger'

Caruccia 'sta band capitolina di grindcore, che esordisce con questo album dopo un demo autoprodotto e qualche apparizione su split e compilation.
Ci possiamo dunque aspettare un bel canonico sound con batteria tipo UZI, voce growl più voce pulita (ma di due cantanti diversi), chitarra che riffa in modo molto semplice e il solito basso neutro. Indubbiamente i ragazzi ci sanno fare, e anche se la produzione tende più alla cristallinità del suono piuttosto che alla 'spaccamo tutto', la potenza dell'attacco dei cinque è innegabile. Peccato che non si faccia un uso maggiore dei cambi di tempo, perché quei due/tre mid-tempo che ho trovato non erano per niente male, se non altro ne giovavano in varietà.
Troveremo dunque sedici pezzi infilati in 20 minuti scarsi, più ghost track da 7 minuti, con durate che spaziano dal minuto e mezzo fino ai cinque secondi (U, U2). E ovviamente immancabili sono i sample da vari filmetti horror, tipo Dal Tramonto All'Alba, che a me fanno sempre specie in un album che non sia di robaccia tipo Mortician.
Ecco ora che ho detto questo, il problema sta proprio qui: mentre il duo americano di grindcore puro è sempre difficile da prendere sul serio, i Malkavian vorrebbero farsi ascoltare per bene ma al momento non hanno tutti i numeri necessari per risultare più della solita band grindcore che piacerà probabilmente ai fans del genere e a nessun'altro. Peccato sì, perché con qualche numero tecnico in più, maggiore varietà e meno aderenza ai canoni del genere si poteva avere una bella chicca.
Vabbè, alla prossima.

Aggiunto: July 24th 2004
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage band
Hits: 979
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest