Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Mariani/Marchitelli/Laforgia ‘Miles Mix Files’

(Afk Records 2003)

Prendi un Davis, scavagli una buca intorno e poi versaci dentro un bel sacchetto pieno zeppo di qualche strano acido.
Prendi Jean Pierre da 'We Want Miles' e lasciala essere musa ispiratrice per frammenti di carne viva infilzati di filo spinato.
Prendi quello che immagini essere un tributo e gettalo via; questo non è un tributo. Questa è una messa in opera di una lezione.
Sorride certamente il buon Miles di fronte a questi ventotto minuti scarsi di musica accidentale e accidentata che spesso frena e sbanda ma più spesso taglia ed affetta come un motosega impazzita in un boschetto di pioppi teneri e minuti.
Afk è etichetta coraggiosa che ama sporcarsi le mani e giocare sull'orlo del baratro, perfetto; ci piace lo spirito.
Confrontarsi con il lunatico genio scomparso è faccenda da far tremare i polsi ma in questo caso di tremiti in verità se ne scorgono pochi se non di piacere.
Piace lo spirito suicida della tromba quando si ritrova a sostenere fra delay e camere d'eco il peso della struttura, Mariani mena fendenti tenebrosi giocando spesso sulla ripetizione simil melodica che spesso si tramuta in un ghigno da pazzo bavoso, Marchitelli picchia sulle corde e poi si ricorda che in fondo nella lezione assimilata ci doveva per forza essere una postilla dedicata all'uso della chitarra, allora prima sfrega le corde dicevamo, poi decide di cadere in una vertigine di drones ed ha quasi capito tutto. Laforgia manopola le valvole cardiache dell'opera, ne determina il battito vitale, ne stabilisce gli attimi il centro e poi perimetra il perimetro; collante e defilato. Basista come bassista e ce ne vorrebbero di più a parlare questo linguaggio figlio di Kowald.
Tutti e tre poi sillabano dentro al lavoro sibilline frasi di elettronica perfida incerta fra spettrali aperture industrial e tentazioni da coloritura avant.
Molto buio per atmosfere al momento ma più avanti sicuramente vedremo spuntare anche i colori.
Se fosse stata produzione straniera avrebbero gridato al capolavoro in molti.

Aggiunto: September 3rd 2004
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Afkrecords
Hits: 1093
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest