Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Evolution So Far 'The Armies Of Bitterness'

(Nh-N Records 2003)

Indubbiamente già dalla copertina sono immediatamente identificabili le tematiche e gli argomenti che stanno a cuore agli italiani Armies Of Bitterness. Infatti vanno d'accordissimo con gli Anti-Flag riguardo a posizioni anti Bush, antiguerra, anticapitalismo e così via.
E altrettanto comprensibilmente anche il punk degli Evolution So Far ricalca quello che ci potremmo aspettare: hardcore piuttosto veloce ma non eccessivamente furioso. Si distinguono dalla massa grazie ad una discreta tecnica chitarristica e una voce abbastanza particolare che a volte sfocia quasi sul melodico e invece altre è rauca da morire, non ho ben capito se è sempre voluto o meno ma di sicuro è gustoso. Inoltre i cinque riescono anche ad infilare ritornelli piuttosto orecchiabili (tipo Don't Worry And Love The Bomb o Fear Of A Right Planet) che fanno contento l'ascoltatore da subito.
Personalmente ho qualche remora sui testi che a volte usano un inglese un po' discutibile (tipo "USA is starting process of war, who's the danger?") e ogni tanto la pronuncia pure scappa su qualche accento strano, tipo pseudosardo, non saprei.
Ma d'altronde sono problemi abbastanza futili, ciò che importa è che l'album fila via tranquillissimo, la produzione non sbava quasi mai e i pezzi sono tutti ben scritti e discretamente suonati.
Concludono poi in bellezza con una cover leggermente più rumorosa di Can I Say dei Dag Nasty, che si adatta però sorprendentemente bene al loro stile.
Insomma un buon album di hardcore, non eccessivo e non originalissimo, ma adatto a tutti. Da ascoltare.

Aggiunto: July 6th 2004
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage Nh-N
Hits: 1148
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest