Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Flössin ‘Lead Singer’

(Ache Records 2004)

Questo 'Lead Singer' rischia di provocarmi un gran bel mal di testa.
Christopher Willits, Zach Hill (Hella) e Miguel Depedro (Kid 606) allestiscono un bel minestrone sonoro che fra strappi al limite del free, embolie di matrice rock sfatto e più impronunciabili ed assortite forme varie di quasi cacophonia ridanciana realizzano senza volerlo uno dei migliori prodotti di matrice altra degli ultimi tempi.
Di frammenti sfiniti l'opera è pervasa eppure, eppure; eppure....
Calcio nelle palle molto gradevole e convincente che a prima vista sembra opera di un manipolo di malati di mente a cui siano stati messi degli strumenti in mano ma sotto sotto, ascolto dopo ascolto; ti rendi conto che di realmente casuale vi è ben poco.
Nel terzo pezzo sembra d'intravedere una flebile forma di prossima parentela con le divinità This Heat ed è poi in quella direzione che il linguaggio del gruppo pare volersi muovere.
Lo stacco fra il terzo ed il quarto pezzo (senza nome come tutti gli altri) è realmente fulminante, non si fatica ad immaginare la voce di Robert Wyatt a solcare queste note come nei dimenticati New From Babel e fra scatti nervosi e strappi ritmici proprio verso quelle lande ci si dirige piuttosto che in direzione di un combo di universitari annoiati dalla troppa birra.
E chi se l'aspettava una cosa del genere?
I nomi coinvolti nell'operazione non è che siano proprio delle personcine musicalmente a modino eppure, sotto tutta la serie di armonie disastrose che ci propinano si intravede una sensibilità ed una ricerca che strabilia per la maestria con cui certe soluzioni vengono piegate ai propri voleri.
Di idm o peggio ancora di gabber neanche l'ombra da queste parti, soltanto due chitarre in feedback quasi perenne, tastiere disastrate; un drumming libero e torrenziale ed una visione d'insieme da moderno ed alterato trio jazz.
Prossimo per passaggi lancinanti a paturnie di marca Skullflower ma con quel minimo di spazzatura digitale che lo rende ancor più out.
Di calcolato e ragionato c'è veramente poco; tutto molto caldo ed umorale.
E dopo questo cosa ci riserva il futuro?
Flippati e coinvolgenti.

Aggiunto: August 22nd 2004
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Acherecords
Hits: 991
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest