Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bron Y Aur ‘Quien Sabe?’

(Wallace Records 2004)

Per i Bron Y Aur le difficoltà sembrano essere un buon viatico contro lo stress metropolitano, Milano è una città che quando vuole sà rendersi simpaticamente opprimente ed i Bron Y Aur in questo stato contingente sembrano sguazzarci. 'Quien Sabe?' è il loro terzo difficile disco ed il rock di partenza sembra sempre più che mai un lontano ricordo oramai presente forse soltanto in certe allucinatorie atmosfere che si respirano in alcuni brani; una sorta di possibile liofilizzazione di certe forme lisergiche desertiche perfette sia per spazi aperti che per rumorose strade affollate. Jam session abilmente trattate da Xabier Iriondo e Paolo Cantù che si animano anche di una simpatica componente più sottilmente polemica che in passato come il passaggio da White Rabbit a Sound005 dimostra in maniera esemplare. Una serie di fumosi numeri Kraut che sfumano dentro un contenitore sonoro degno di certe intemperanze strumentali anni settanta ma con una lavorazione in sede di mixaggio che lascia decantare il tutto in una cupa pozza di paranoia strumentale niente affatto male.
Ottimo in poche parole.
La foto di copertina è pesante come il piombo ed in maniera efficace cristallizza la condizione di borderline che queste musiche evocano.
Il Davis elettrico quando entrano i fiati sembra ad un passo ma dura poco, anche la componente free se possibile sembra sottilmente più lontana ora.
Vien da domandarsi quale altro gruppo aveva intrapreso un'operazione tale sul corpo rock nel nostro paese e sinceramente di nomi non è che ne vengano fuori più di tanto; adesso come adesso forse soltanto i Tasaday sono al passo con i Bron Y Aur pur provenendo da altre situazioni ma perseguendo un'idea di fondo che non sembra poi tanto dissimile.
I Padroni Del Vapore parla con lingua di serpente prossima alle meraviglie degli Psi ed altrettanto fa Sound009, allora all'improvviso ci è chiaro quanto girava a trottolina nella capoccia; i Bron Y Aur sono un moderno gruppo di meraviglie blues.
Puro e semplice sentire libero di individui realmente liberi
.
Invece di comprarvi l'ultima boiata dei Sonic Youth compratevi questo che vi farà sicuramente molto ma molto più del bene....

Aggiunto: August 16th 2004
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Wallace Records
Hits: 1145
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest