Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


My Cat Is An Alien / Thurston Moore ‘From The Earth To The Spheres’

(Opax Records 2004)

I nostri My Cat Is An Alien inaugurano per la loro Opax Records questa serie di split lps che vedranno in futuro la partecipazione di nomi del calibro di Jackie -O Motherfucker, Thuja, Double Leopards, Christina Carter; Christian Marclay e molti altri ancora.
Le realizzazioni in questione saranno tutte in edizioni limitate di 100 copie con confezioni speciali arricchite dalle opere originali di Roberto Opalio (uno dei due gatti per chi non lo sapesse).
Inaugurazione del progetto affidata quindi alle sapienti mani del signor Thuston Moore che idealmente dovrebbe essere il perfetto punto di partenza per un'opera del genere, diciamolo subito però senza tanti giri di parole. Moore stecca e di brutto questi venti minuti.
Pianismi scombinati ed ottusi che forse vorrebbero tanto fare Cage, un'atmosfera generale che in alcune parti rimanda agli intermezzi sinistri contenuti in "Sister" ed "Evol" ma assolutamente privi di direzione e di qualsiasi tensione, sfilacciate scansioni ritmiche in odor di Ciccone Youth ed un finalino con chitarrina strapazzata ad arte e piano liquido vagamente malinconico; segue rumore di fondo amplificato e poi più nulla. Grazie a Dio verrebbe da dire.
Sconsolati da tanta pochezza ci rivolgiamo ai My Cat per risollevare le sorti di un dischetto che se avesse contenuto soltanto questi venti minuti iniziali ci avrebbe fatto mugolare notevolmente dal dolore per i soldi spesi in maniera tanto incosciente.
Venti minuti e trentasei secondi di fluttuanti nebbioline lisergiche che penetrano a fondo nella mente lasciando emergere di tanto in tanto un accordo impalpabile sepolto sotto il denso strato elettrostatico che le due chitarre generano, si ha la sensazione netta di esser al cospetto di un gruppo che vertiginosamente sta attuando un processo di definizione del proprio suono che sicuramente li porterà a togliersi diverse soddisfazioni come la stampa da parte dell'americana Eclipse del loro ultimo abum ci conferma. Stratificazioni sonore che rimandano ad una brumosa sacralità percepita in passato dai primi Main ed ancora prima nell'opera dei Popol Vuh ma passata al setaccio di moderne esperienze riconducibili al percorso attuale svolto dai Pelt, da Six Organs Of Admittance; dai Vibracathedral Orchestra. In poche parole dall'attuale vertice di certo psycho folk moderno dei quali fra breve i My Cat andranno a far sicuramente parte.
Peccato soltanto per il brano del comico ex sonico iniziale.

Aggiunto: July 6th 2004
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.mycatisanalien.com
Hits: 1016
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest