Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Black Candy 'Candinista'

Prima fatica per questo terzetto modenese: Alicia(chitarra), Mara (basso), Bitt (batteria). Già dalla grafica e dal titolo (assolutamente geniale!!) si potrebbe pensare al solito gruppo riconducibile all’area punk, garage, ma l’ascolto di questo disco velocissimo (21 minuti per un totale di 13 pezzi) è pieno di sorprese; contaminazioni indie-pop, con il pezzo che apre il disco Christine,il garage emerge da pezzi come3 Chords/Garage/Fine, Funk Off Pt.2, fino ad arrivare all’indie-rock melodico con la melanconica e sofferta Grey Day. Ascoltando il lavoro per intero potremmo dire di trovarci di fronte ad un clone italiano di Sleater Kinney, ma i nostri eroi emiliani vanno oltre, anche se il tutto è rigorosamente condito con salsa lo-fi. Degna di essere citata la piccola gemma pop Straight To Your Hands che con le sue capatine emo è il capitolo più bello di quest’incoraggiante e validissimo esordio.

Aggiunto: June 19th 2004
Recensore: Andrea Bontempo
Voto:
Link Correlati: http://blackcandytheband.blogspot.com
Hits: 1208
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest