Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Alessandro Canova 'Blank Disc Vol. 1'

(Pachinkostudio 2002)

Proposta digitale davvero notevole quella che ci fa Alessandro Canova con la splendido viaggio nei territori isolazionisti del suo Cdr “Blank Disc Vol. 1”. Un’immersione uditiva totale tra sonorità ai limiti del minimalismo, ambient rumorista ridotta ad alienazione cibernetica e glitch noises sapientemente dosati. Per tracciarne le coordinate sarebbe vano ricorrere a riferimenti come i Pan Sonic per la presenza di dilatazioni soniche quali il dub robotico di 771 o la stasi meditativa di First Day of January; né ci sono d’aiuto le concezioni post-ambientali riconducibili all’opera di Bernhard Gunter dato che in “Blank Disc Vol. 1” i suoni/rumori/disturbi restano comunque decisamente in primo piano senza calarsi negli interstizi della realtà. Le sperimentazioni che Canova conduce da qualche anno a questa parte su onde sinusoidali e rumore bianco lo hanno portato a confezionare un proprio (micro)sound davvero personale ed efficace. 2C-B ricorda i lavori di Richard Chartier o di marca 12K alla Taylor Dupree, con 773 Canova si avvicina alle sonorità di Inerex o Terrorstate, mentre per 774 si può immaginare un improbabile sovrapposizione di campioni ossessivamente ripetuti su un tappeto microtonale intessuto per l’occasione da Christopher Charles. Questi però sono solo tentativi di ancoraggio. “Blank Disc Vol. 1”, selezione di brani tratti da precedenti lavori pubblicati su Pachinkostudio e Pale Mother Recordings, offre uno spettro di atmosfere sintetiche realmente vario e ricercato. A questo punto non resta che attendere davvero con ansia i risultati del suo attuale lavoro per il progetto “Mega Structures” basato su registrazioni processate e sound design ultra-minimale. Da parte mia, conterò i secondi.

Aggiunto: April 4th 2002
Recensore: Mauro Carassai
Voto:
Link Correlati: Pachinkostudio Page
Hits: 1235
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest