Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kawabata Makoto 'Infinite Love'

(Ochre 2002)

Giochi di specchi, ovunque. Kawabata Makoto (in America conosciuto come Makoto Kawabata), insuperabile multistrumentista nipponico, appare in definitiva nient’altro che un eroe della sei corde. Non nel senso tradizionale del termine o perché chitarrista in leggendarie bands giapponesi come Mainliner, Musica Transonic e Acid Mothers' Temple & The melting Paradiso U.F.O. . Ma perché, come questo nuovo lavoro solista dimostra, soltanto un eroe mitologico potrebbe riuscire in un’impresa come quella di creare soundscapes chitarristici talmente alieni da situarsi ai confini tra l’umano e il trascendente. Il riferimento non è peregrino: Kawabata proclama l’esistenza di una armonia universale di cui egli si sente il tramite sonico [”Quando suono qualsiasi strumento non penso mai di essere io a fare musica…. Nella mia mente odo continuamente suoni dal cosmo (o Dio o come vogliate chiamarlo)... io sono soltanto come il ricettore in una radio”] e le tre pieces di “Infinite Love”, uscito in Europa su Ochre records, sembrano inquietantemente dimostrarlo. Uno specchio non ha infatti immagine propria, assume solo quella che la luce gli dona. Potrei quindi cimentarmi nel trovare referenti sonici già conosciuti, e i nomi cadrebbero inevitabilmente tra quelli di Loren Mazzacane Connors, Roy Montgomery o gli High Impedance, ma il tentativo di raffigurazione fallirebbe miseramente. La sospensione estatica ambientale di I Miss You è qualcosa che non vi capiterà mai di ritrovare da qualche altra parte, gli anfratti ora bui ora percorsi da luci psichedeliche filtrate della finale Infinte Love sono luoghi sonori inediti e irripetibili. I costanti rumori di bordo del viaggio di See You in a Same Dream Tonight posta in apertura poi cullano dolcemente il passeggero fino alla stasi paradisiaca della già citata I Miss You concludendo iterativamente il percorso esplorativo iniziato in medias res. Come giudizio complessivo, a sua volta, non resta che citare specularmente l’ordine della tracklist: Infinite love mentre si ascolta, I Miss You quando il lettore ha smesso di girare, See You in a Same Dream Tonight quando deciderete di premere off.

Aggiunto: April 21st 2002
Recensore: Mauro Carassai
Voto:
Link Correlati: Acid Mothers Page
Hits: 1452
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest