Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

Faq
Feedback
Lista Connessi
Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21 Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

Mail


Clann Z 'Black Coats & Bandages'

(G7 Welcoming Committee 2004)

I quattro australiani Clann Z avevano favorevolmente impressionato con il loro cd di debutto, 'Rua', un paio di anni fa. Indubbiamente riuscivano in un mix di Godspeed You Black Emperor! e alt rock britannico originale e notevole, peccato poi si perdessero in sviolinature non necessarie e pezzi non proprio azzecatissimi.
Rieccoli dunque con il seguito a 'Rua', questo 'Black Coats & Bandages'. E dei cambiamenti ci sono stati, per il meglio, questa la cosa incredibile.
Innanzitutto ora la produzione molto pi nuda e semplice di prima, donando all'album un'atmosfera da semi improvvisazione affascinante e che attira l'attenzione. La strumentazione invece rimasta piuttosto eclettica, con violino elettrico, tastiera, chitarra e basso.
E' proprio nelle canzoni che i Clann Z sembrano aver trovato la loro realizzazione, con pezzi davvero emozionanti come So Complicated Was The Fall e One Bedroom Apartment. Molto interessanti i testi, galleggianti tra atteggiamenti anti-imperialisti, apologie e inni d'odio contro amori perduti.
Encomiabile anche l'idea di cantare in gaelico, anche se purtroppo solo su t-an bn e An deirdreadh scal, lingua musicale e che dona ai due pezzi un'aura decantatoria e funerea.
Per dove i Clann Z riescono ad impressionare, allo stesso tempo cadono negli stessi errori che avevano reso il loro primo album una chicca, pi che un esperimento interessante. Insomma, quando gli australiani imbroccano un pezzo, c' da ascoltare in silenzio, ma quando cominciano con le pippe mentali e lagne varie sorge davvero la voglia di skippare.
Per fortuna le canzoni si tengono sempre in limiti umani e i momenti cos passano in fretta; inoltre la produzione aiuta a renderli perdonabili.
Indubbiamente siamo ben lungi dalla perfezione del loro experimental rock ma con "Black Coats & Bandages", si fatto un altro prezioso passo in avanti. Esce il 1/06/2004.

Aggiunto: April 27th 2004
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage Band
Hits: 1135
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest