Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lali Puna 'Faking The Books'

(Morr Music/Wide 2004)

Carte false per i Lali Puna. Come da titolo dell’album la band di Valerie Trebeljahr sembra impegnata stavolta a mistificare (almeno un po’) le credenziali guadagnate con lo splendido “Scary World Theory” del 2001. Se quella meravigliosa collezione di perle electropop li voleva alfieri di un’inedita forma di intimismo hi-tech, la nuova fatica sulla lunga distanza ce li rende con un’immagine in qualche modo più consueta o ‘inquadrabile’ in ambito più propriamente indie rock (forse complice una certa ridondanza di proposte affini gravitanti intorno a quel pianeta ormai completamene visibile chiamato ‘Morr sound’). Gli accenti più riconoscibilmente wave saltano fuori qua e là facendo trapelare sempre più intensi gli odori Stereolab-iani (vedi Call 1-800 Fear o Micronomic) e le sghembe sferzate di post-rock/post-pop tra Moonshake (la noiseggiante Lefthanded) e Tex La Homa (la carezzevolmente ammiccante Small Things).
In molti casi il messaggio appare in sostanza più ‘forte e chiaro’ (vedi l’incalzante EBM pop-arabescata di B-Movie o il rifferama ultrasintetico di Grin and Bear) e le atmosfere risultano meno morbide e rilassate che in passato pur senza scivolare mai del tutto nel sound lunare dei Broadcast ad esempio (vedi le glaciazioni interrotte di Geography-5).
Da rilevare poi anche una certa passione per l’affresco composito (fa forse eccezione il tepore ricorsivo della liquescente title track in apertura o Alienation che sembra una outtake del precedente) che porta la maggior parte dei brani a proporre un susseguirsi di strutture virtualmente in(ter)dipendenti, una tendenza di cui si fa emblema la stupenda trascolorazione ipnotica di People I Know.
Che dire? Se il precedente lavoro poteva tenerci compagnia in modo sublime “nell’ora che volge al desio” o nella laconiche luci chiaroscurali di pomeriggi appartati, questo nuovo “Faking the Books” lo farà in maniera altrettanto egregia nei vostri momenti più ‘vigili’ o meno contemplativi. Ora avete tutto ciò che vi serve. In una band.

Aggiunto: April 29th 2004
Recensore: Mauro Carassai
Voto:
Link Correlati: Morr Music Page
Hits: 989
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest