Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Ernesto Diaz-infante/Matt Hannafin 'All The States Between'

(Pax Recordings 2004)

Nuovo affare a quattro mani per Ernesto Diaz-Infante che in questa occasione si avvale del contributo di Matt Hannafin percussionista devoto a culture etniche orientali ed amante dell'improvvisazione. Come le note di copertina minuziosamente riportano questo lavoro è stato ideato ed assemblato utilizzando due quattro tracce a cassette ed il grosso contributo delle poste americane nello scambio dei tape che hanno permesso a questa opera dalla struttura aperta di giungere dopo tempo ad una sorta di finale. Infante risiede a San Francisco e di suo ci mette modulazioni radio, estratti tv (?), violino, lettori cd impazziti e turntable vario.
Hannafin da New York elabora ed aggiunge al lavoro sapienti dosi di striscianti percussioni metalliche ed etniche che registra usando microfoni ambientali e a contatto; tutti e due poi lasciano che l'ambiente circostante liberamente rientri in ciò che fanno come elemento aggiuntivo . Ok fino a questo punto, ora arriviamo alle magagne.
Sinceramente irrita alquanto il rumorismo involuto ed arrogante di Infante che avevamo conosciuto molto più reattivo in altre circostanze come ad esempio nel recente e splendido "As Is Stated...Before Know" in compagnia di Chris Forsyth o ancor prima nell'ostica ma stupefacente avventura con gli Abstractions, qui di reattivo ci siamo soltanto noi poveri ascoltatori che dopo aver subito la ripetizione ciclica di un ottuso bordone noise che si ripete all'infinito dopo circa un quarto d'ora non ce la facciamo letteralmente più a digerire questo polpettone gia in partenza mal digerito dagli autori stessi.
Fortuna vuole che Hannafin tenga in parte a galla la barca dispensando in maniera arguta il suo operato ma è veramente poco per salvare un lavoro che si può riassumere in due uniche parole; noioso e pretenzioso.
Dispiace molto per Ernesto, ma non sempre si può editare tutto quel che si produce; provaci ancora.
Sei sempre uno dei nostri piccoli eroi......

Aggiunto: April 19th 2004
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.paxrecordings.com
Hits: 2157
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest