Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kardia 'Frammenti Di Violenza Controllata'

(Produzione Propria 2002)

Iniziando ad ascoltare “Frammenti Di Violenza Controllata” dei capitolini Kardia - un quartetto composto da Daniele Franzé (tastierista e cantante), Pietro Capriotti (chitarrista, occasionalmente bassista e voce di supporto), Paolo Alvano (cantante, bassista e occasionalmente chitarrista) e Alessandro Emberti (batteria e voce di supporto) – chi ha apprezzato i suoni della prima metà degli anni Ottanta avvertirà un colpo al cuore: nella iniziale Kubo si materializzano i fantasmi dei Litfiba di “Desaparecido” (specialmente del basso di Gianni Maroccolo e delle tastiere di Antonio Aiazzi; mentre fortunatamente la voce solista è immune dai vezzi/vizi di Piero Pelù), che proseguono a danzare nella successiva Nero (ma la chitarra già ha assunto toni della nostra fine secolo). Poi risulta notevole la doppia personalità di Brucia: metà incalzante e marziale teatrino alla Korn/Rammstein, metà solenne epicità alla Diaframma periodo “Siberia” (indicativi i versi “…questo è settembre, questo è il senso di morte/che alberga nei suoi “me stesso”/questo è il rimpianto, di ciò che non è mai stato/e non sarà domani ne mai…”). Le atmosfere gotiche prendono decisamente il sopravvento nella evocativa Trascendenza, canzone caratterizzata dal rispetto certosino ma non pedissequo di tutti i crismi “wave” (folate di tastiera “ghiacciata”, chitarre insieme presenti e lontane, soprattutto un basso imperioso), magari addizionato a reminescenze più “pesanti” (è una bestemmia sostenere che anche i Tiamat suonano così?).
Per concludere, vi sono Nenia e Ancora Lontano: che vanno a completare il quadro di un gruppo che farà la felicità degli appassionati dei generi e dei gruppi sopraccitati (e potrà farlo ancor di più magari eliminando qualche scoria Linkin’ Park, presente soprattutto nel cantato).

Aggiunto: April 10th 2004
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Sito dei Kardia
Hits: 1091
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest