Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Deadbeat 'Something Borrowed, Something Blue'

(Scape/Wide 2004)

Nuovo album per il canadese Scott Montheit nei panni di Deadbeat, progetto già più volte celebrato per la prolificità e la qualità intrinseca dei suoi singoli e lavori a lunga durata, non ultimo quel Wildlife Documentaries che appena due anni fa riscosse il consenso di critica, pubblico e addetti ai lavori. Il produttore canadese torna ora a noi con un album di atmosfere astratte, ridondanze dub ad alto tasso ipnotico e seducenti grooves. Una musica articolata, fatta di glitch e tessiture melodiche che si rincorrono in un apparato atmosferico analogico variamente dilatato. Le ritmiche, molto curate, anche nei momenti più accelerati, si incastrano e si stratificano su una rarefatta pulsazione base, lungo tutta la durata del disco. Altamente suggestivo è il suono generale dell’insieme, anche se, nonostante si punti molto sull'effetto ipnotico, a volte qualche episodio avrebbe potuto sortire lo stesso risultato anche in un minutaggio più ridotto. Di contro tracce come White Out, Head Over Heels, Steady As A Rock e Fixed Elections , giusto per citarne qualcuna, sono davvero ammalianti e ricche di coolness, con architetture sonore in evoluzione e atmosfere che ne fanno dei veri gioielli di tecnica compositiva applicata al digitale. Niente da dire, il canadese si conferma di nuovo tra i talenti chiave della musica elettronica contaminata odierna. Nessuna sorpresa.

Aggiunto: April 10th 2004
Recensore: Vittorio Marozzi
Voto:
Link Correlati: Scape
Hits: 1093
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest