Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Blonde Redhead 'Misery Is A Butterfly'

(4 AD 2004)

Un noto signore filosofo diceva che si dovrebbero leggere solo quei libri che sono un colpo in testa. 'Misery Is A Butterfly' è questo tipo di creatura, l'ombra che si infila nel sonno solo per picchiarti, quel non senso provvisorio e sottile che ti restituisce il cuore, finalmente. Se fate un giro in rete troverete delle recensioni molto belle di questo lavoro, perciò non aggiungerò altri commenti, riferimenti o storie su "Misery". Vorrei solo sottolineare la generosità di una simile proposta (la crudeltà è sempre generosa). Un disco opaco, onirico e denso quanto può esserlo uno stato di coscienza, un'immersione tanto assoluta quanto fragile, là nel luogo dove si fa l'esperienza concreta del patire e divenire la farfalla Misery. Ultimamente sembra che non si possa fare a meno di dichiarare 'tristezza e depressione' per essere un buon gruppo post-rock... I Blonde Redhead prendono un'altra via. E' la timidezza, la cura, l'attenzione nell'attraversare un certo luogo -la farfalla, la montagna magica- a raccontare una tensione fisica ed emotiva, una trasformazione, un divenire appunto, che forse è tristezza, forse malinconia o forse semplicemente struggente meraviglia. Ma senza mai dichiarare nulla, piuttosto, sussurrando con dolcezza. In tutto ciò sta il morbido rapimento (si diceva una volta che la musica 'rapisce') precario e irrisolto di "Misery is a Butterfly", giusto il tempo del volo. E poi? Ti ritrovi a terra, ossessionata da quelle melodie crudelmente apparse e scomparse: "Lay me down in the ground softly, softly. Don't remove my head hurts much too much" (Elephant Woman)

Aggiunto: March 30th 2004
Recensore: Kittychan
Voto:
Link Correlati: Sito ufficiale dei Blonde Redhead
Hits: 1312
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest