Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Damien 'Let Us Pretend We Are Kings'

(Autoprodotto 2003)

Piuttosto sorprendenti questi Damien, soprattutto in come riescono a proporre qualcosa di già sentito ma capace di interessare l'ascoltatore fino alla fine. Il loro rock disperato impastato di paturnia tipicamente Museesquie e problematiche Bushiane non stupirà probabilmente nessuno, ma il trio marchigiano riesce a mettere insieme un bel pacchetto di canzoni orecchiabili e con dei testi quasi mai banali. Questi ultimi sono ovviamente in inglese, e se ne capisce immediatamente il motivo ascoltando l'unico pezzo in italiano, Atrofizzazione, che sembra quasi risultare meno 'incisivo' degli altri. Poi lungi da me aprire la diatriba 'è meglio anglofonia o campanilismo per le canzoni' che ha davvero un po' rotto le balle.
Comune c'è da dire che per essere un album di produzione propria, i tre godono di una professionalità sicuramente invidiabile; a partire dal packaging piuttosto azzeccato (bello il libretto, anche se i testi sono un po' difficili da trovare) fino alla produzione stessa dell'album, pulita e vincente. I Damien poi eseguono il 'compitino' con altrettanta professionalità e infilano 40 minuti gradevolissimi, con pezzi immediatamente orecchiabili (Matusalem), momenti più ricercati (Silent Hill) e qualche sferzata hardcore che non ci sta mai male (The_Leg).
Qualche volta forse cadono un po' troppo nel ruolo di cloni (ma è Matthew Bellamy che canta in Human Nature?), il che non rende sicuramente giustizia alle buone canzoni e alla buona tecnica del trio.
Comunque il loro materiale riesce quasi sempre ad imporsi prima delle 'fonti', e dunque è questo l'importante. Aspettiamo una maggiore sicurezza nei propri mezzi in futuro e intanto godiamoci questa chicca.

Aggiunto: March 12th 2004
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage band
Hits: 1200
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest