Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


AA. VV. 'Collisioni In Cerchio: fromScratchsession vol.1'

(fromSCRATCHrecords 2003)

Lontano dalla retorica del declino e da apocalittiche dichiarazioni di impotenza esistono ed operano nel “belpaese” (più o meno quello amabilmente canzonato dagli autori dell’omonimo brano iniziale, i Jealousy Party) delle realtà produttive che rimediano alla forzata assenza di copiose prebende con degli strumenti infallibili: ovvero il buongusto e l’intelligente intraprendenza. La fromSCRATCH, etichetta di Arezzo, è una di queste entità benemerite: nel caso specifico di questo CD, “Collisioni in cerchio: from SCRATCHsessions vol.1”, i compilatori hanno svolto in otto dei quindici brani presenti una vera e propria funzione maieutica – allestendo uno studio mobile nel magazzino di una cascina nella campagna toscana; le note del “foglio” facente parte della eccellente confezione realizzata con una carta che ricorda quella dei pacchi d’una volta (complimenti ad A. Frassanito) ci informano: “ad ogni gruppo sono stati assegnati due giorni per registrare qualsiasi cosa volessero, con la possibilità di sperimentare e di avvalersi della collaborazione dei musicisti coinvolti nel progetto” – e di stimolo (un gruppo è nato “ex-novo” da queste sessioni, gli Zighi Zog Bau della fulminante L’arrotino).
Certamente le multiformi note scaturite dalle sessioni (e quelle dei sette brani scelti per ulteriore “accompagnamento”) esprimono bene qual è lo spirito e l’ambito d’azione della “label”: ovvero la certosina ricerca che tenta di unire la complessità inevitabile dei suoni degli anni Duemila con una franchezza ed una ironia che triturano ogni velleitarismo “intellettuale”. Intendiamoci, nelle sonorità acide e spigolose del sassofono di Andrea Caprara dei Freetto Mesto (nella conclusiva, minacciosa Il buco nero di tortoli) o nel basso imperioso di Ivan Turinelli degli Slope (che carica di ricordi “wave” Some Cake Please, evocatrice con le sue atmosfere di ben più temibili compagni di merende…), solo per fare due esempi, non vi è alcuna concessione alla “facilità” (o faciloneria) dell’ascolto, ma nemmeno il cedimento a gratuite astrusità o avanguardismi; piuttosto l’espressione di una furia controllata, fino agli estremi margini dell’esplosione.
In altro senso, la presenza di una versione di Solar Anus degli Zu (è sempre un piacere ascoltare la ritmica Battaglia/Pupillo e soprattutto il sassofono baritono di Luca Mai) è indicativa di una perspicua (seppur non totalizzante) tendenza al rovello strumentale (ma potremmo citare i ferrati Tanake di 2ndStep o gli elaborati ed insinuanti Miranda di Juan, oppure gli Appaloosa di Dirk Digler e i Can-d di Jacopo); non mancano tuttavia visioni stravolte di immaginari “rock” – l’incisiva stilettata I Swear degli To The Ansaphone, l’introverso “mood posthardcore” Warso&Ubervixen allestito dai siciliani Twig Infection, l’oscura rivisitazione stoogesiana condotta dagli esperti L’enfance rouge in Be Your Dog - e chi tenta di conciliare gli stilemi sopraccitati, riuscendovi mirabilmente (gli Uber di My New Lifestyle soprattutto, ma anche i Cods nella salace Studente). È poi sempre un piacere incrociare le strade di Ronin (alias Bruno Dorella, tra le altre cose eminenza grigia dell’etichetta Bar La Muerte e chitarrista/bassista/percussionista negli OvO, qui accompagnato da Bugo allo “scacciapensieri” in una rilettura acustica del “tradizionale” Il galeone) e di Edoardo Ricci, multiforme suonatore di strumenti a fiato (nei già citati Jealousy Party): davvero musicisti rocciosi.
In conclusione, un’operazione riuscita ed una dimostrazione di genuino spirito umanistico (i conterranei illustri, maestri dell’Umanesimo e del Rinascimento, avrebbero di sicuro apprezzato).

Contatti: fromSCRATCH con sede a Firenze; agenzia di booking gruppi etichetta invece sede in via Mazzini 30 52100 Arezzo
www.fromscratch.it
Alcuni siti dei gruppi:Jealousy Party: burpenterprise@yahoo.com
Zu: www.zuism.com
Tanake: www.tanake.net
Twig Infection: www.twiginfection.com
L’enfance rouge: www.enfancerouge.org
Cods: www.cods.it
Uber: www.uberband.cjb.net
Ronin: www.barlamuerte.com
Freetto Mesto: www.feettomeesto.org

Aggiunto: March 10th 2004
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Fromscratch Records
Hits: 2008
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest