Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Absolute Zero 'Crashing Icons'

(m=r.2/ReR Megacorp 2003)

I nomi ed i suoni legati più o meno direttamente ad etichette come “Canterbury” e “Rock in Opposition” mantengono – a tanti anni di distanza dalle loro prime apparizioni – un irriducibile seguito di appassionati ed epigoni un po’ in tutto il mondo cosiddetto occidentale. Nel caso degli Absolute Zero il personaggio di riferimento è il batterista – prendiamo la definizione nel senso più largo – Pip Pyle, protagonista di tante avventure sonore con, citando a caso, i Gong e i National Health; anche se, per dirla tutta, i veri mentori-motori del progetto sono la tastierista e cantante Aislinn Quinn e soprattutto il bassista Enrique Jardinas, (co)fondatore di questo gruppo nel 1979.
Con il nuovo arrivato Pyle i due raffinati musicisti (di formazione anche accademica) hanno architettato questo “Crashing Icons”, CD che contiene quattro articolati brani (difficile chiamarle canzoni, visto che la più breve dura 11 minuti e 52 secondi!) di frammentata complessità, tra “scontata” perizia tecnica e una certa follia sonora. A loro favore va un’attitudine brutale che addirittura li può far accostare agli svizzeri Alboth!, specialmente nei suoni variamente distorti del basso di Jardines; a loro detrimento la voce inamidata della Quinn, forse l’elemento più legato a precisi stilemi anni Settanta (nel caso, Dagmar Krause). Nel complesso, il trio con base a Miami dimostra umorosa vitalità oltre che competenza strumentale: un progetto che ha radici ben salde, ma certo non disseccate.

Aggiunto: January 18th 2004
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Sito degli Absolute Zero
Hits: 1069
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest