Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kid Commando 'Holy Kid Commando'

(Ache Records 2004)

Sono tipi di poche parole alla Ache. Estremamente diretti (qualità di cui si sente estremo bisogno di questi tempi - e non solo in politica). L’etichetta canadese sforna dischi di corta durata come pugni in faccia immotivati o insulti irriverenti che non ammettono possibilità di replica. A raffronto dei quattordici minuti dello splendido e indimenticabile debutto dei Death From Above, questo “full length” dei Kid Commando (alle spalle parecchi 7” compresi un paio di split con Arab On Radar e Radio Berlin) raddoppia le durate, dimezza forse l’intensità d’impatto e lascia completamente inalterata la ‘trasversalità’ della proposta musicale. I tre loschi figuri sono in grado di far rivivere, come in un’estate di S. Martino, la stessa atmosfera extreme-anarcoide-delirio-deragliante della scena no wave newyorchese. Nove brani di sferragliamenti minimal noise tra echi ‘funk’ alla Contortions e inarrestabile furia iconoclasta alla Cop Shoot Cop (in primo piano permangono infatti i clangori ‘a quattro crode’) in cui riescono a far capolino perfino i Butthole Surfers nel cantato dell’iniziale Urban Bushman o l’insistenza sgrammaticalmente reiterata di certe cose dei Fall in Nuff Said. Tutti i pezzi sono di ottimo livello con diversi picchi ‘di genere’ (la spassosa e ‘rockeggiante’ – con tutto quello che il nome di un Jon Spencer a cui sia stato requisito tutto il blues conservato in cantina può evocare - Fall Fall Fall o la cacofonia tra Teenage Jesus, Foetus e Big Black della finale Basic Bioelectrics).
Se siete amanti delle terre musicali di nessuno, del (buon) cattivo gusto o anche più semplicemente di Slint, June of 44, Black Eyes o più ostinatamente della (ancora utile?) parola post rock …, tuffatevi senza indugio.

Aggiunto: February 11th 2004
Recensore: Mauro Carassai
Voto:
Link Correlati: Ache Records Page
Hits: 1095
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest