Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Interviste: Federico Albanese Intervista
Contributed by Anonymous on Sunday, 01 April @ 17:03:28 CEST
Topic: Il Rigattiere
a cura di
Marco Paolucci
Intervista al compositore Federico Albanese.













Di Luciano Feliciani
felilux73@gmail.com

01.04.2018 In occasione dell’uscita dell’ultimo album di Federico Albanese, pianista e compositore italiano, ed in attesa del suo nuovo lungo tour europeo che toccherà città come Francoforte, Londra, Dublino, Colonia, Amsterdam, Zurigo, Lugano, Monaco, Istanbul, Lisbona, Atene e molte altre, pubblichiamo una breve, interessante intervista che ci aiuti a conoscere meglio l’autore e il suo mondo musicale. In Italia Federico Albanese si esibirà il prossimo 12 aprile in un concerto al Santeria Social Club di Milano.


1. Qual è stato il suo percorso artistico?

Molto vario e ricco di esperienze musicali: ho studiato pianoforte da bambino ed in seguito clarinetto e basso. I miei interessi musicali sono sempre stati vari, da ragazzino ascoltavo musica cosiddetta “New Age” e nel frattempo registravo cassette punk-rock dalla radio. Ho sempre suonato in molte band diverse tra loro dal punto di vista del genere musicale: dallo stoner-rock al pop-rock, all’indie più sperimentale.


2. Cosa l’ha portata ad avvicinarsi a questo genere musicale?

Un desiderio inconscio di quiete direi. Dopo anni di “rumore”, punk, hardcore, stoner, pop-rock..., sentivo come l’esigenza di esprimere sensazioni più intime. Ho ripreso così a suonare il piano e a studiarlo. È stato come un amore ritrovato.


3. Ci sono dei compositori a cui si è ispirato, ovvero a cui si sente più è legato dal punto di vista musicale?

Sono molti, tra i tanti cito Brian Eno, Nino Rota, Television, Traffic, Miles Davis.


4. By the Deep Sea è il titolo di un brano e nello stesso tempo dell’Album. Che significato ha questa immagine?

By the Deep Sea, rappresenta uno stato mentale, una ricerca verso la giusta distanza tra noi stessi e qualcosa di più profondo, un’idea, un pensiero, una situazione da risolvere… Quella distanza che ci permette di essere vicini a tal punto da poter vedere le cose con la giusta chiarezza ed esorcizzarle, trasformarle in qualcos’altro.


5. Qual è stata l’ispirazione guida nel comporre questo suo nuovo lavoro?

Forse davvero un bisogno, un’esigenza. Negli anni ho capito come la musica è il veicolo che ho scelto per cercare di trasmettere o esprimere certe emozioni profonde, che difficilmente riescono a uscire alla luce attraverso le parole. È come una sorta di meditazione o se vogliamo auto-analisi. Attraverso la melodia, penso, si possano raggiungere stati dell’animo nascosti anche a noi stessi.


6. La sua musica è molto intima e personale, quali emozioni vorrebbe trasmettere attraverso di essa all’ascoltatore?

Non c’è un’emozione specifica che voglio trasmettere, la musica in sé è soggettiva, sia per chi la compone che per chi l’ascolta. L’obiettivo è quello di tendere in profondità, ma un brano che a me scaturisce un’emozione positiva, può darsi che a qualcun’altro susciti l’opposto. Ognuno va un po’ a cercare quello che vuole, credo, o quanto meno si lascia trasportare verso un’emozione, la musica è un veicolo che aiuta questa ricerca.


7. Nella sua musica c’è molta ricerca e cura delle timbriche, nonché dell’amalgama sonoro; qual è il processo creativo attraverso il quale riesce ad ottenere questo risultato finale?

Tutto nasce dall’improvvisazione, o meglio dalla sperimentazione acustica. Spesso è il pianoforte stesso a guidarmi verso uno spazio o un’idea sonora. In seguito, lentamente, nasce il contorno sonoro. Il mio uso dell’elettronica è molto minimale e funzionale al pianoforte stesso.


8. Vivendo in Germania cosa ne pensa dell’ambiente musicale tedesco e quali, secondo lei, le differenze con quello italiano?

In Germania c’è più apertura, più spazio per la sperimentazione e per la fruizione di musica “diversa” o relativamente “nuova”. Penso che l’Italia sia ancora legata ad un tradizionalismo - anche dovuto alla lingua - che da una parte mantiene una forte cultura legata alla musica folk e in generale cantautorale, dall’altra produce una chiusura verso mondi musicali con un respiro più internazionale.


9. Quali sono i prossimi progetti per il futuro?

Per ora sono concentratissimo sul lungo tour che mi aspetta, poi vedremo…. tante cose comunque!


Link: Federico Albanese Pagina Tour

Link: Federico Albanese Pagina Album

 
Links Correlati
· Federico Albanese Pagina Tour
· Federico Albanese Pagina Album
· Inoltre Il Rigattiere
a cura di
Marco Paolucci

· News by paolucci


Articolo più letto relativo a Il Rigattiere
a cura di
Marco Paolucci:

Discus Records News


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Bad
Regular
Good
Very Good
Excellent



Opzioni

Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest